domenica 30 gennaio 2011

Una ispera ‘e sole

Una ispera ‘e sole pro ammentare
Su sorrisu caru prus de s’oro
Una lacrima de amore chi in sa notte
prus iscura m’astringhede su coro

Su cumpanzeddu meu, nostru, er moffiu
E non l’ammos podiu saludare
In die vritta chi mancu su chelu
Dae su dolore ch’este issidu a respirare

Sos occros de tottus ti chircana
Ti chircana chene t’accattare
Pare chi sias moffidu pro pacu
Ma chi tra pacu deppasa torrare

Ses andau de sicuru a jocare
In d’unu locu uve no esistidi pena
Uve solu s’allegria regna serena
E su dolore non podede intrare

Chentu caddos domados pro tene
Cando arribas t’ana a facher’accattare
Ischerta su prus bellu e curre tottu die
So sicuru chi non ti c’asa a istraccare

As’a toppare a Mannai e a sos Mannois
Chi non t’ana connottu in bid’issoro
T’ana a contare medas contos
E tue nd’asa a fachere tesoro

Pesai unu tenore, pone una voche
Chi t’intendammos e pessemmus a tie
Cada vorta chi pompiammos a su chelu
Cando proghe, b’es su sole oppuru nie

Bindig’annos sunu troppu pacu
Pro connosches sa vida e l’apprezzare
Ma tue as fattu tantu, ar dau allegria
Nois ti podimmo solamente ringraziare

Mamma e Babbu pranghene su vizzu
Troppu mannu es custu dolore
Ach’in modu chi torrene a ries
E a bies tottu cantos sos colores

Como cumpanzu meu ti deppo lassare
Chi sos occros meos sunu pranghende
Ma su coro sorridede proitte
In coro meu bi ses tue e mi ses sorridende

martedì 25 gennaio 2011

Il Bronco del capobranco

Esisteva un tempo un branco
li chiamavano "i lupi"
terrorizzavano il quartiere
prendendo tutti a calci nel sedere
ma un bel giorno al capo, detto La Faina
si blocco il respiro durante una rapina
non riusciva più a correre, a camminare
e le guardie riuscirono a sparare
la pallottola perforò un polmone
e la sparatoria finì in televisione
un dottore che guardava rete4
disse "quell'uomo dev'essere operato"
prese il camice, il bisturi e il borso*
e si recò di corsa al pronto soccorso
vide Il Faina nell'ambulanza rantolante
e lui disse "datemi il disinfettante"
controllò la ferita, tamponò il polmone
e poi sospirò
caro Faina, hai la broncocoglionite
io ti posso anche curare le ferite
ma se vuoi ancora guidare il branco
sarà necessario che ti curi il bronco
quindi tu che ora leggi
se vuoi ancora godere della luce del sol
corri a farti
l'aerosol!

lunedì 24 gennaio 2011

Chi vi credete che noi siam, per i capelli che portiam

x Maria Grazia

Vi soffermate sul mio aspetto
all'apparenza debole e vulnerabile
ma non v'ingannate
non sono certo un vile!
la manina è sincopata
la codina spelacchiata
i capelli bombardati
ed i piedi parecchio sviluppati
con gli occhioni grandi e grossi
e le orecchie manco fossi
una sorta di parabola
che vi spinge ad occuparvi
del mio corpo sorprendente
io così strego la gente
mi accudite e proteggete
sono dolce e teneroso?
tutt'altro, anzi!
non sapete chi vi state mettendo in casa
stronzi!
sono la Daubentonia Madagascariensis
ma per voi sono
AYE-AYE
mio fratello più grosso
Daubentonia Robusta
l'ho fatto fuori da tempo
e ora che controllo i vostri cuori
e ora che ho scoperto che
vi basta un orecchio gigante
e un occhio grande e tondo
per farvi fare quello che voglio
da qui parte
la mia conquista del mondo!

domenica 23 gennaio 2011

Ode egitta

Oh egiziano, egiziano antico,
con tuo naso piramido ed il mento appuntito
mi dicono che ti vesti con facce di cane,
per fare i tuoi bisogni dove cazzo ti pare
non credi sia una scusa un poco astrusa?
il bagno li da voi più non si usa?
non ti pare che la storia di cui ti vanti meriti di essere onorata?
e tu la sepellisci con un bella cagata!

sabato 22 gennaio 2011

Vendetta barbaricina

Non mi hai salutato per la strada
ho sputato sul tuo mucchio di biada

le tue pecore hanno sconfinato nel mio pascolo
ho sparato al tuo cane quando l'hai lasciato solo

hai rubato tutti i miei vitelli
ho infilato dentro tuo zio tutti i miei coltelli

hai sparato in faccia a mio fratello
ti ho ammazzato con il mio fucile più bello

ora mi cercano i tuoi fratelli
vogliono uccidere la mia famiglia

vogliono distruggerla e infine ammazzarmi

ma cazzo, quel giorno
non potevi salutarmi?

venerdì 21 gennaio 2011

L'orgoglio proletario di una sedia

Oh certo, tu si che puoi vantarti
la gente trema al solo nominarti
accogli da sempre principi, re ed imperatori
e al tuo cospetto sussultano occhi e cuori
Trono, scranno, podio, seggio
gli altri sedili per te son tutti peggio
sono una semplice sedia
e secondo il mio parere
tu, Trono, lo dovresti sapere
sei come tutti gli altri
visto che baci il culo
a chi ti schiaccia in faccia il sedere

giovedì 20 gennaio 2011

Intimo imbarazzo

Atmosfera cupa
aria pesante
la luce illumina fioca
l'abitacolo ansimante
Sorrisi tirati
isteriche risate
ma...
io non sono stato
ora come faccio a dirle
che è lei che ha scorreggiato?

mercoledì 19 gennaio 2011

Tocca al tacco

Oh ciabatta, ciabatta insulsa, vuoi che vezzeggi con parole
quello che chiunque vede alla luce del sole?
cinesina, infradito, ballerina o salopetta
io vi infilerei nella stufetta
non siete buone ad esaltare il polpaccio
non accrescete il punteggio del piede che vi da un passaggio
fate largo, arriva il tacco
che a tutti gli uomini fa divertire il pacco

martedì 18 gennaio 2011

Mutti su varvieri

x gallina vecchia

Chin su lumene che programma
sa Sardigna vive s'ispramma
cherta chin sa propria manu
de su theracu de unu nanu

Varva de s'omine istraccu
chi travaglia che balente
ma pro me no est'issu maccu
ma sa conca de sa gente

L'an botadu dae tott'uve
prus de mesu milione
isperande in d'una lughe
a cust'inutile buffone

Cara che a su cuccumiao
televisione non de lassa
nasu che su cane e cassa
che appeddande fachede miao

Faches finta 'e t'occupare
'e sos peleos de sos sardos
ma issu seriu non faches niente
bellu cazzu 'e presidente!

lunedì 17 gennaio 2011

Animali da tiro

x ALINOD

Tira pusè un pel de pota
che cent cavai che trota
Detto molto misterioso
pare parli di studioso
che dopo vari pensamenti
formulò ragionamenti
su presunta capacità
di cento cavalli
di tirare via un pezzo di porta
con maggior vigore
rispetto ad una trota
Voi direte: "Ci voleva lo studioso
che con far libidinoso
stabilisce cose ovvie
credendosi talentuoso"
Non sarò di certo io
a dir che non è così
ma se avete altre opinioni
scrivetecele qui.

Nord e Sud, o della specularità dei difetti

x anonimo

Est decise tempo fa
per conoscere i sodali
di invitare a casa sua
gli altri punti cardinali
Arrivò per primo Nord
molto algido ed austero
scarpe lucide e cilindro
ed un abito grigio e nero
fu la volta poi di Ovest
chiassoso come una razzia
portò in dono del caviale
e la democrazia
per ultimo entrò Sud
con la faccia divertita
non aveva fatto mai
alcun viaggio nella vita
Nord l'apostrofò: "Ecco entrare il buon terrone"
e Sud: "Hai detto torrone?"
Nord: "No no, terrone! sei in ritardo
aspettavamo te per mangiare polenta e lardo"
Sud: "Dai Nord, non mi conosci
non occorre che t'angosci
siamo qui per divertirci
a che serve scannarci?"
Nord: "Si si certo, e poi venite col sorriso e ci rubate il lavoro...ciapa i ratt...barbun...tichetetachetitac...llamaduninaaaa..."
Sud: "Ma scusa, a me piace mangiare, conoscere gli altri, cantare
ti pare sia logico
che se mi metto a rubare
al posto di pane, vino e mandolino
rubi sudore e stanchezza in cambio di qualche soldino?"
"Su dai basta", disse Est
"Non è questo il contest
anzi, ad essere sincero
ora vado da Ovest
e gli faccio l'occhio nero
perchè da quando è arrivato
ho perso il conto
di quanti petardi ha sparato"
Ed iniziò una baruffa
fra quattro posizioni speculari
che avevano il solo difetto
peraltro alquanto vecchio
di non riconoscersi nell'altro
nemmeno guardandosi allo specchio.

L'annoso dibattito fra rugby e calcio fa da sfondo a ben altro tipo di confronto generazionale

x sandrino

Da anni si discute
sulla differenza
fra palla tonda e ovale
fra due tipi di violenza
lo sport dei gentiluomini
combattuto da briganti
lo sport dei lestofanti
combattuto da dementi
ma caro il mio lettore
quello che ti tormenta
non è di certo il modo
in cui il gioco si alimenta
se con retropassaggio
o palle filtranti
se a fare meta o goal
è un pilone o un centravanti
quello che ti addolora
è prendere coscienza
che il vecchio rap è morto
e che possiamo farne senza
arriva un nuovo duro
con frasi ritmate
cancella i vecchi slogan
con testi fatti ad arte
che cosa ci vuoi fare
Sandrino ormai è cotto
evviva Fabri Fibra
che sul tubo ne fa otto!*

*(8 milioni
di visualizzaziONI
Disc Jockey Sandrino non le fa
nemmeno se si taglia
i...non mi viene la rima...)

domenica 16 gennaio 2011

Bunga-Bunga

x anonimo

Eccoci dunque al capitolo fianale
ma veramente volete dirmi
che c'è qualcosa di male?
vorreste voi per caso
voi, di memoria corta
che un dittator moderno
guardi dal buco della porta?
occorre certo agire
non solo straparlare
se voi non fate nulla
io me le devo fare
voi tristi feticisti
eredi dei fascisti
osannate chi lo ha duro
ma non ha lo sguardo puro
i soli dubbi vostri
sono dubbi d'una sorta
se la tipa che mi faccio
è lunga o tozza e corta
se è minorenne, se è nata a Bari
se è secca o maggiorata
se sia ministro al pari
perchè parliamoci a quattr'occhi
sono un vecchio miliardario
ma il mio comportamento
non è di certo vario
ho il gusto di conquista
ma sono un affarista
se ho soldi per pagare
e c'è merce da comprare
è forse colpa mia
se la loro coscienza
si è concessa un'amnistia?
Fede fa le selezioni
Lele chiude le audizioni
i carabinieri voltano lo sguardo
e tutte poi atterrano nel mio opulento harem sardo
non fate i perbenisti
non siete dei puristi
vorreste farvele anche voi
ma siete poveri e tristi
da anni ormai il dibattito
verte sulla misura
ma un ultrasettantenne
ce l'ha ancor lunga e dura?
voi state a interrogarvi
sull'inutile quesito
ed io e i miei pensiamo
a dove infilarvi il dito
voglio però lasciarvi
domandandovi di un rito
affinchè il concetto funga
la vostra libertà
val bene un bunga-bunga?

sabato 15 gennaio 2011

Eco Interattivo

Cari lettori, da oggi L'Eco diventa interattivo: voi proponete il tema, il blog scrive un poemetto.
La redazione (!!!) ne sceglierà uno e pubblicherà il contenuto in giornata.
Fatevi sotto!

La ballata dello champagne giustizialista

Schioppo, frizzo, e infine
dalla bottiglia sprizzo
mi presento, sono Champagne
e vi allieto le compagne!
ma che veggo?
son sullo Yacht?
e di fighe ce n'è ott!
chi mi tiene è un laido vecchio
l'ho capito dallo specchio
ora scivolo su una tetta
ma il vecchiaccio non arretta
quale orrore
c'è un errore
queste cose dovrebbero andare
ai giovani
quelli a cui voi con la vostra brama
non permettete di lavorare
quindi bevi pure, vecchio
ma ti prometto
che tra un minuto
mi vomiterai in un secchio.

venerdì 14 gennaio 2011

Risposta all'ode al dimenticato

come ti permetti? pretendo i tuoi rispetti
ti connetto con il mondo
risparmi tanta strada
la cosa non ti aggrada?
prendi la pedovia
se non rispetti la tennologgia
da oggi
ognuno a casa sua

giovedì 13 gennaio 2011

Ode al dimenticato

Che ci fai li, sul comodino?
potevi lampeggiare, fare un trillino
ingrato, ti ricarico
ti pulisco e riverisco
e tu li, col tuo livore
ma almeno un bagliore?
ma fammi uno squillino
io mi volto
e capisco che sto dimenticando
il telefonino

mercoledì 12 gennaio 2011

Alla ritrosa doccia

Oh doccia ritrosa, oh, doccia. DOCCIA, OH!
E che caaa!! sono qui che ti chiamo e tu mi eviti
rendendo la mia 'scella un pò pezzata
che t'ho fatto? che t'ho detto?
come?
ah già! il calcare. lo so, ti dovrei lavare!
va bene va bene, oggi mi lavo al mare
o come i gatti mi laverò a pezzetti
non vorrei che mi rifiutassero sui traghetti
a causa dell'odor pestilenziale
oh doccia, perchè (visto che sei già in bagno)
non te ne vai a cagare?

martedì 11 gennaio 2011

Poemetto del debitore e del riscossore professionista

(Cliente): Scusi, ma ha chiamato lei
disturbarla mai vorrei
non m'era mai capitato
in tanti anni di lavoro onorato
di saltare un pagamento
e ora lei porta tormento
ad un povero....

(Riscossore professionista):
ESCREMENTO!
di questo si tratta
lei mi devi questa rata
se non mi darà il danaro
io le faccio un gioco amaro
la denunzio, la protesto
non mi dia questo pretesto
se non mi ripaga il letto
glielo giuro, io la creppo
se non paga la vettura
allora qui diventa dura
non rimborsa la cambiale?
le sequestro anche il guanciale
se risponde con cipiglio
le sequestro anche suo figlio
io non perdo mai la calma
sono un gran professionista,
do consigli e soluzioni
ma le rompe li coglioni

(Cliente):
non si alteri, la prego
non tormenti più il mio ego
pagherò non ci sono dubbi
ma non vede queste nubi?
che si addensano su me
posso offrirle del buon the?

(Riscossore professionista): ma che crede, di comprarmi?
con un the coi savoiardi?
sono un gran professionista
ora paghi, si no, ista!
faccio un bel discorso a braccio
ma lei, mio caro, è un bello straccio
che non paga quel che prende
e magari se lo vende
abitudine malsana
brutt'ischivu, mortu e gana!