sabato 12 febbraio 2011

Proto ode nana distensiva

x Elfo del Bosco

Senti nano...davvero...senza rancore
non tu, io
tu lo hai, che ci vuoi fare
vigliaccamente la tua altezza ti si presenta ogni mattina
a ricordarti che sei più vicino al pavimento che al cielo
all'inferno, dove andrai, che al paradiso
no, niente limbo per i nani
vi si riconosce una colpa primordiale
se siamo a sua immagine
che mi vuoi dire, che Dio ha i piedi attaccati al culo?
si lo so, doveva essere distensiva
ma non ce la faccio, cazzo!
lo sei e lo sarai
maligno che orini nelle tazze di caffè delle macchinette automatiche
signore dei semafori gialli
abitatore della cassette postali
sei tu che rosicchi i fili del mio alternatore?
e smettila di fissarmi il ginocchio

3 commenti:

  1. Ma questa è una finta ode distensiva!

    RispondiElimina
  2. HAHAHAH è bellissima....ma per niente distensiva :D

    RispondiElimina
  3. E' l'ode distensiva dell'uomo che odiava un nano, che preso dal rimorso per la sfuriata precedente, cerca di rimediare. Nel recitarla, però, si fa prendere nuovamente dall'oscuro sentimento e...

    RispondiElimina