sabato 26 marzo 2011

Il bizzoso destriero nippone, o dell'incontro che il buon Pablo fè con la legge di conservazione della quantità di moto.

x Mangiuffo

Il gesso bianco inguanta la mano frizionica
e ora il povero Pablo che farà di domenica?
il suo destrier nippone lo ha disarcionato
e come balena culacchiosa si è spiaggiato
polverizzando la quint'ossa metacarpale
ma certo non si arrende, no! non fa male!
il cuore duole per il radiator pestato
non certo per un vil osso spezzato
lo sguardo è ancora fiero, ancora puro
"In moto ci rivado e presto, stai sicuro!
consulto il fido Ebaye, ora lo trovo
un pezzo di ricambio nuovo nuovo
lo pago 5 euri, lo monto lesto e parto a razzo
ci vuol ben altro per fermarmi, e qual cazzo!"
Non dubitiamo, oh Pablo, del tuo dire
ma ascoltaci, adesso dovresti dimagrire
L'inerzia del tuo lardo imbarazza il motore
e il toro meccanico disarciona il domatore
vai a correre leggiadro al parco Monte Claro
il messaggio che qui ti mando è molto chiaro
ormai ti stai affacciando sul quintale
e se cadi anche da fermo ti fai male
quindi magrisci e rinuncia al tuo pancione
e non sarai tradito più dall'equin nippone

3 commenti:

  1. Il povero Pablo caduto nel fosso:
    alzarmi non posso,portate la gru,
    o, in via provvisoria,un tiramisù.
    Jai vas per aglias vias contoneras ma jai che nde buscas!Si torras a bidda ti vrimmo su gesso e t'iscrio: mittticco!
    mamma chioccia

    RispondiElimina
  2. dato che il commento dell'altra volta non l'ha registrato....

    il poema è naturalmente bellissimo!! inutile sottolineare la mia predilezione per la conservazione della quantità di moto, in questo caso il WR!!!!! Grande Pulcino!!! grazie

    RispondiElimina