mercoledì 9 marzo 2011

La Bombardona, o della pugna che Pablo ingaggiò con la minimoto

x mangiuffo

"Io la prendo e me la siedo
metto il casco e presto vado
fatti in la, vedo la pista
io non temo, ajò, ISTA!
fo due giri alla manetta
lasciami che ho troppa fretta
di provar la BOMBARDONA..."
"Stai attento, non perdona!!"
"Non ti devi preoccupare
sono un drago nel guidare
a cavallo del "Cancello"
se sapessi quanto è bello
ci facciamo le endurate
sulle creste frastagliate
io non temo, non temere
ora te lo fo vedere!!!"
STRENNNENENNNENNN!!!
STRENNNENENENENNNNNN!!!!
Parte e sgasa il fiero Pablo
curva e impenna, evita un palo
è veloce, non v'è dubbio
ma...
"Stai attento!" grido "Cribbio!" (solo per dovere di rima)
come palla di cannone
Pablo duce il Bombardone
tira dritto sulla folla
frena e subito decolla
plana come fosse un dardo
con falcate da ghepardo
si inabissa nella steppa
la Bombarda gli si inceppa
spare agli occhi della gente
poi riappare come niente
il sorriso è assai smagliante
ma lo sguardo è sofferente
il ginocchio si è girato
ora ansante indica il prato
"Sarò stato a centoventi
ma ho evitato quelle genti"
"Si, d'accordo", io gli dico
"Ma da quando sei partito
ho compreso lesto il fatto
che sfidavi il cieco fato
a cavallo del motore
puoi causarti del dolore
il sol fatto che sia mini
fa si che tu ti rovini
ora incedi con un passo
che a vederlo sembra fesso
mai è stata cosa buona
lo sfidar la
BOMBARDONA!!!"

2 commenti:

  1. Caro Pablo, ovver Mangiufo
    della vita non sii stufo.(1)
    Lascia stare la Bombarda
    e cavalca la bernarda;
    tue 'hi s'atteru poleddu,
    de 'herveddu pa'hicceddu
    che seis mannos tott'ar duos:
    lassai istare sos enduros!
    Ego non ndisc'ho itte sunu
    ma vonos non sun pro nisciunu.
    Pesciai: che sun prus de trinta,
    prendiebos vene sa cinta
    a'hie sos ommines mannos
    chircai de evitar dannos.
    Torrai a su tricirculu
    b'ha prus pa'hu peri'hulu:
    colliebos su dinare
    pro li-los 'homporare
    a 'hussas creaturas...
    prossimas venturas.
    (1)nota l'eleganza del congiuntivo..... no il congiuntivo non è "stufo" è "sii"

    RispondiElimina
  2. A Pablito:
    non ti paglia sa predica troppu dura
    ippo nande a socra pro intendes nura.
    so sempes sa-e primma
    avio irmenti'hau sa vrimma.
    mammachiocia

    RispondiElimina