giovedì 21 aprile 2011

Vittorio Arrigoni, o della tipologia umana che potrebbe riscattare la sua razza

Se tutti fossimo stati come Vittorio
non ce ne saremmo nemmeno resi conto
perchè di persone come lui
non ci sarebbe stato alcun bisogno
Quando un ideale vale più della tua stessa vita
pare non aver peso il sacrificio
ma quando la vita ti viene strappata
solo allora ci si rende conto della grandezza
della nobiltà del gesto
del limite spostato più in la
non il cuore oltre l'ostacolo
ma il cuore come solo ostacolo
in tanti non lo conoscevano
in tanti hanno dato giudizi sommari
giudizi somari
non sei d'accordo con quanto faceva?
ma sai cosa faceva? non lo sai.
"Restiamo umani", diceva. E faceva.
...e se domani fossi tu ad aver bisogno di gente come lui?
non ti può accadere? e come fai a dirlo?
i tuoi nonni ci sono passati,
e tu ci stai passando ma non te ne accorgi
l'iPhone non ha un'app che ti avverta
su un noto social network non appartieni al gruppo "preghiamo"
ma dici sempre: "Grazie a Dio"
grazie cosa? sei convinto di essere un prescelto?
e quindi se domani ti dovessero bombardare,
arrestare per le tue opinioni
opprimere per la tua razza
se ti negassero il futuro,
uccidessero il tuo presente e cancellassero il tuo passato
vorrebbe dire che il tuo dio ti ha voltato le spalle?
o forse non sei nemmeno credente
sei solo scaramantico
ma ricorda che tutti siamo carnefici
hai cliccato "mi piace" su una canzone che non sai cosa dice
solo perchè ti piace la persona che l'ha postata.
Ti piace esteticamente.
la canzone dice:
"U mæ ninin u mæ
u mæ
lerfe grasse au su
d'amë d'amë..."
svegliati

Grazie Vittorio

2 commenti:

  1. Un elogio all'Amore assoluto degno dell'ultimo sacrificio, che mira e centra il cuore.

    "Non il cuore oltre l'ostacolo
    Ma il cuore come solo ostacolo"

    La semplicità logica, geniale e disarmante di una rivoluzione che diventa normalità.
    Naturale e non eccezionale, come restare umani.

    RispondiElimina
  2. Cara Carapigna, ti ringrazio per il tuo gentile commento. Pare una recensione, dal trasporto con cui è stato scritto. "La semplicità logica, geniale e disarmante di una rivoluzione che diventa normalità". Purtroppo non tutti paiono aver capito cosa Vittorio Arrigoni intendesse con Restiamo Umani. O meglio, in pochi. Altrimenti il mondo sarebbe diverso.

    RispondiElimina