lunedì 23 maggio 2011

Su il silenzio dei mass media nazionali sul plebiscito sardo

x NoNuke. Scusandomi pel ritardo, due fatiche bilingue.

La Sardegna ha decretato
con un voto anticipato
che centrali nucleari
sulle coste balneari
o nel cuor della regione
non ne vuole ed ha ragione
Era un test precursore
della volontà dell'elettore
prima di quello di giugno
che come pugno sul grugno
colpirà questo governo
ed il nano ormai all'inverno
e per questo sui giornali
e sui tiggì, i suoi maiali
han taciuto il risultato
mascherato il plebiscito
evitando di citare
il risveglio popolare
che come un'onda lunga
spazzerà mister mafia-bunga.

************************************************************************************

Sa Sardigna ad'ischertadu
chin su votu antizipadu
de li narrere a "su mere"
chi centrale non de chere

L'i ana nadu belle tottus
sos chi an picau su lapis
"Non cherimus mancu s'arga
manteniebos a sa larga"

S'asciuconu 'e sos barones
no es tantu pro Sardigna
timene sos continentales
chi ponzan sa mattessi vrimma

Pro custu in Italia s'informazione
l'ana isticchida chin intenzione
proitte como, finalmente
survad'aera differente

Su signale siccu isolanu
es'su primu pro su nanu
pro li narrere "Affanculu
ghettatiche a su vulcanu!"

Nessun commento:

Posta un commento