lunedì 29 luglio 2013

Migliori avanciamenti! (richiesta da Graziella)


Leonardo Puddeddu leghe leghe e ripete

ti ses laureau chè a unu coette

Puddeddu Leonardo ripetede e leghe

puntos t'an dau in numeru 'e chenteddeghe.

Istuppada Gianni sidiu 'he una rana:

"Ello sa lode vrinta si l'ana?"

Nanna lu brigada: "Iscappa sa tassa

Sa lode jai b'este, e ch'er mann'e grassa".

Su vrade minore 'humbidada 'hin foga

'hommo toccada a issu de 'hestire sa toga.

Arribba sa sorre, emigrà a continente

e issa puru 'huntenta a tottus ghetta'Nepente.

Parentes e ami'hos vesteggian su dottore

mandi'hande pro'heddu e bivende licore

Si prenana sar venas de colesterolo

tantu b'es Leo 'hi lis controlla su 'horo

Issu dà 'hussiggios de istudiau

jai si viede 'hi este unu dottore istimau:

"'Hommente si pode mandi'hare goi meda

si su vinu nos a'he'sa matha a una preda?"

"Abbarrai tranquillos", na'su dottore balente

"mandi'hai angelottos e buffai su Nepente

Si si che prena s'istegliu, eg'app'istudiau,

bo che tiro su tappu dopo 'hi ais mandi'hau

poi 'hin d'una igniccione ch'is'haggio su grassu

e sa vrente torra piatta 'he a su matalathu

ma 'hommo però torrai a mandi'hare

'hantai in allegria e si'hie a festeggiare

e poi a siggidura dopo su caffè bos 'humbìdo

una zeroquaranta de idraulìco liquìdo!*”

Caru Leonardo nois t’augurammos

una carriera longa ‘hent’annos

Tantu si si’himmos ‘hin custos tempos

a nois nudda pescione ma pecci lamentos

A parte sas brullas amici e parenti

In coro ti nana: “Migliori avanciamenti!!”.

* da leggere con accento sulle seconde ì!

domenica 28 luglio 2013

Banane, colori, costole e sputi


Tirano banane contro una donna rea di avere il colore dell’epidermide più scuro del loro. Non voglio discutere sulla scelta, perché non conoscendo le più profonde motivazioni che muovono queste persone, non vorrei dare giudizi affrettati. Ad un’analisi sommaria potrei pensare che si tratti di subumani decerebrati, ma così facendo, per quanto appena scritto, mi macchierei di superficialità e qualunquismo. Mi chiedo però quale sia il parametro cromatico oltre il quale scatta la molla del complesso meccanismo mentale che spinge un essere umano a dotarsi di frutto esotico per tirarlo contro il suddetto bersaglio. Nero? Banana. Marron scuro? Banana. Bronzo? Qui diventa difficile. I nostri connazionali abituè del mare e patiti dell’abbronzatura raggiungono spesso questa doratura superficiale. Si espongono quindi all’odio viscerale dei difensori della cromia? Non so. In ogni caso il gesto è a difesa dell’italica razza, così dicono. Allora perché tirare le banane, frutto certamente non coltivato nella penisola? Tirino le mele valdostane, uva Cannonau di Sardegna, tirino, che so io, arance Tarocco sicule. Non vorrei che nel discriminare seriamente e coscienziosamente una persona, si cada nell’imperdonabile errore di associare l’odio italico a un prodotto extracomunitario. Il fine sarebbe certamente corrotto dal mezzo. La banana, come boomerang, andrebbe in culo a quelli che l’hanno tirata a scopo denigratorio. Mi spiegano che la banana viene tirata a significare che il bersaglio, a causa del colore della sua pelle, è paragonabile ad un primate. La cosa si complica: allora si denigra la scimmia, dalla quale noi umani discendiamo? Si denigra la progenitrice? Nemmeno. Mi spiegano che l’azione è portata avanti da difensori della razza italiana,  che, tra altre brillanti  iniziative e bizzarre discriminazioni, identificano nella Chiesa Cattolica la propria guida spirituale, e per tale motivo non credono nell’evoluzione, ma nel creazionismo. Loro sono discendenti di un tizio nato da fango e sputi che ha generato due figli unendosi carnalmente ad una sua costola, figli maschi che a loro volta si sono accoppiati con non si sa chi, visto che erano gli unici sulla terra, dando origine all’umanità. Non fa una piega. Ora ho capito. Da gente così il ragionamento più profondo che possa aspettarmi è un lancio di banane per esprimere diniego verso un colore.

venerdì 19 luglio 2013

Gianpeppino: Bobbo allo spedale

 

Oggi sono dovuto andare a trovare Bobbo allo spedale. Mentre era in giro in bicci, praticalmente gli e entrato un gatto nel naso.

mercoledì 10 luglio 2013

Gianpeppino: Un mio mitto


 Se devo dire persone vive dico Gianni Morandi. Non tanto per come canta, ma perche secondo me se ti da uno schiaffo Gianni Morandi ti stacca la testa con cuelle mani. Bravo anche cantando eh. Pero meglio per le mani. Se non devo dire cantanti dico Piero Angiela perche spiega benissimo cose di universo, savana e poppottami. Una volta vedo cuesto documentario di savana e a un certo punto un gheppardo a centoventi prende una ntilpo e mio nonno dice “Se li fanno lauto velo li mettono cuesta multa che li tolgono la patente, e la ntilopo se la dimentica per un po”. IO mi sono messo a ridere perche o pensato al gheppardo guidando la 127 che aveva lui verde e fumando. Piero Angiela spiega cose di anticchi romani, anticchi grechi, anticchi eggizziani. Poi spiega di anticchi dinosauri, anticchi pittori, anticchi re, anticche guerre. Gente morta insomma. Secondo Nonno parla solo di queste cose anticche perché lui cera cuando sono successe. Il mitto di Bobbo invece e Berlusconi. Anche lui e vivo come a Gianni Morandi e anche lui canta, ma non è il lavoro suo. Lui a le orecchie grandi. Questo Berlusconi in pratica e piu vecchio di mio nonno. A sentire con un po di atenzione va e viene con donne di ogni tipo soprattutto giovani, per non dire veramente giovani. Bobbo mia detto che sotto una certa eta non puoi andarci altrimenti in realta e un polizziotto mascherato da donna ragazzina e come fai di avvicinarti PAM, manette. A me cuesto mi sembra giusto, eppure lui e sempre li che fa come li pare. Al compare di Nonno compare Brodo, lavevano messo in priggione propprio per lo stesso sistema del polizziotto mascherato da donna ragazzino, ma come mai allora Berlusconi e ancora li in televisione? Cuello in pratica e pieno di soldi e di sciarm e fa grossomodo il ragazzino. Piu soldi che sciarm guardando bene. Bobbo dicce che sed’era per lui tutti avrebbero soldi e invece come succede sempre in cuesti casi non vogliono. Cosa volete fare? Volete che nessuno a soldi? Bravi continuate cosi. In ogni caso se Gianni Morandi li da uno schiaffo a Berlusconi lele stacca quelle orecchie. A me pero il mitto di Bobbo mi fa schiffo, anche se non lelo detto.

mercoledì 3 luglio 2013

Gianpeppino: Il Santo


Oggi e la festa del Santo patrono del mio vicinato. San Peppino da Crosta. Il mio nome me lavevano dato proppio perche ero nato nel giorno del santo (anche se per l’esattezza io mi chiamo anche Gian). Tutti lo vogliono bene a San Peppino, anche se non sempre fa esattamente quello che lo pregano di fare. Mia nonna una volta l’aveva pregato di fare la grazia a mio nonno, e effettivamente le l’avano data dieci anni dopo che l’aveva pregato. Sicuramente aveva mooolte richieste e mia nonna si pente sempre di non averlo pregato in tempo. Io personalmente in questo momento non o niente da pregarlo, mi sta bene cosi. Quando ce la proccessione  del santo tutti lo prendono a partire dai piu forti e lo portano fuori, e le donne pregano dietro al prete col megafono. Davanti mandano i cavalli e una volta cera anche mio cuggino con Scarfeis prima che lo pungeva la zanzara troppicale. Una cosa che mi haveva fatto ridere era che il prete stava legendo caminando e aveva messo il piede nella merda dei cavalli e dera scivolato nella merda e li era scappata una cosa sulla Madonna. Tutti lo aiutavano ma si giravano dall’altra parte ridendo e mio nonno a detto “Bella processione di merda” e io ridevo come un pazzo.